Crisi Gela. Sbloccare i 32 milioni di ENI

Creato Venerdì, 29 Gennaio 2016 Scritto da G. Felice

Felice: Crisi di Gela. Sbloccare i 32 milioni messi a disposizione da ENI.

Conferenza di servizio permanente Regione Comune  di Gela

 

            Il coordinatore Regionale Confimprese Italia, Giovanni Felice, a nome dell’intera organizzazione, esprime piena solidarietà ai lavoratori e ai cittadini di Gela.

In una crisi cosi complessa ognuno deve fare la propria parte – ha dichiarato Giovanni Felice – e bisogna procedere passo per passo. Oltre a garantire le misure a sostegno dei lavoratori è necessario avviare e definire il processo di riconversione dell’area..

            Utilizzare tutte le risorse necessarie è una priorità – continua il coordinatore Regionale di Confimprese Italia – e non possono essere tollerati ritardi di nessun tipo.

Ad oggi restano bloccati i 32 milioni messi a disposizione da ENI quale compensazione – insiste il Coordinatore di Confimprese Italia– in attesa che regione e comuni elaborino i progetti di riqualificazione di loro competenza.

Il Governatore Crocette

istituisca una task force permanente e congiunta – conclude Giovanni Felice – tra Regione e Comune che porti in brevissimo tempo alla realizzazione dei progetti necessari a utilizzare i 32 milioni..

Share